«Senza patria» e «vaganti»

Maria Klinger, cestaia, e Michael Huser, commerciante di stoviglie, 1852/53.
Durante l’applicazione della legge sui privi di patria, quelli che venivano chiamati vaganti furono particolarmente esposti alle misure discriminatorie: per individuare il cantone di origine, da 800 a 900 persone furono internate per mesi, interrogate e immortalate dal fotografo bernese Carl Durheim in pose preparate. Le litografie delle immagini furono poi trasmesse alle autorità investigative dei cantoni come strumenti di inchiesta.

Quelle: 
Archivio federale svizzero, Berna

© 2012 Stiftung Zukunft für Schweizer Fahrende // Impressum

© 2012 Fondation Assurer l’avenir des gens du voyage suisses // Infos éditeur

© 2012 Fondazione Un futuro per i nomadi svizzeri  // Informazioni editoriali